Home 1980 Starman (1984) di John Carpenter

Starman (1984) di John Carpenter

Starman è un film di fantascienza americano del 1984 diretto da John Carpenter, prodotto da Michael Douglas. Jenny e l’alieno sono interpretati rispettivamente da Karen Allen e Jeff Bridges, quest’ultimo sarà candidato al premio Oscar come miglior attore protagonista. Nel 1986 il film ispirerà una omonima serie televisiva, interpretata da Robert Hays e Christopher Daniel Barnes. La colonna sonora è stata composta da Jack Nitzsche.

Trama
Nel 1977 la sonda Voyager 2, lanciata dalla NASA nelle profondità dell’Universo, custodisce a bordo un disco d’oro contenente un messaggio rivolto ad eventuali civiltà aliene, che le invita a visitarci in pace. Qualcuno ritrova la sonda e raccoglie l’appello: una nave madre di provenienza extraterrestre invia sulla Terra una capsula con a bordo una forma di vita aliena. Il dipartimento della difesa americana travisa gli intenti pacifici della spedizione ed abbatte l’oggetto volante. Uscito incolume dallo schianto, l’alieno si rifugia in casa della giovane vedova Jenny hayden; ricavando il DNA da una ciocca di capelli appartenuti al marito defunto, che la donna conserva, l’entità prende le sembianze dell’uomo. L’extraterrestre ottiene di farsi accompagnare da Jenny nei pressi di un grande cratere in Arizona, dove è atteso per un ricongiungimento con i propri compagni di viaggio. Per affrontare il lungo viaggio, il visitatore alieno ha a disposizione tre giorni, al termine dei quali il corpo clonato si esaurirà.

Nel frattempo il SETI, che ha intercettato la navicella, coordina una serrata caccia all’alieno, coinvolgendo numerose unità dell’esercito: l’intento è quello di catturarlo e studiarlo. Jenny ed il visitatore hanno modo di conoscersi lungo la strada che li condurrà al punto prestabilito. Lei, dapprima spaventata e diffidente, scopre i modi gentili e delicati dell’extraterrestre, quest’ultimo apprende i costumi e la contraddittoria mentalità degli esseri umani, scoprendo il valore dei setimenti. Tra i due nasce una tenera e profonda storia d’amore che si conclude con l’inevitabile partenza del’uomo spaziale.

Braccio originale con impianto luci usato da Jeff Bridges durante le riprese di “Starman”, collezione Paolo Prevosto, www.paoloprevosto.com

Uno dei busti originali di “Starman” sopravvissuti, realizzato da Dick Smith per la scena della crescita in stop-motion, collezione Paolo Prevosto www.paoloprevosto.com

Il trailer italiano di Starman:

È uscito “Guida ai film di fantascienza di John Carpenter” scritto da Paolo Prevosto