Home 1990 Bagliori nel buio (1993)

Bagliori nel buio (1993)

Il regista Robert Lieberman si ispira ad una storia “vera” per girare un film singolare, risoluto ed asciutto. Bagliori nel buio (Fire in the Sky, 1993) narra le vicende vissute da Travis Walton, presunto addotto e vittima di esperimenti da parte di individui extraterrestri.

Nel cuore della notte, un gruppo di boscaioli si imbatte in una strana luce: attratti da quest’ultima, scoprono trattarsi di una nave spaziale. Travis, per nulla intimorito, si avvicina pericolosamente alla fonte luminosa che lo colpisce, mettendo in fuga i compagni. Giunti nella propria cittadina, i taglialegna denunciano la scomparsa dell’amico, divenendo oggetto di sospetti ed attività investigative. Dopo qualche giorno Travis riappare in stato confusionale: minato nel corpo e nello spirito, l’uomo ripercorrerà l’esperienza allucinante a cui è stato sottoposto.

Contrariamente ad altre pellicole che trattano il medesimo tema, Bagliori nel buio tratta il fenomeno denominato “abduction” con occhio distaccato e talvolta scettico: il film potrebbe quasi risolversi in un thriller dai risvolti drammatici, virando bruscamente nella disturbante scena nella quale il protagonista rivive l’esperienza a bordo dell’astronave.

Il vero Walton (che appare brevemente anche nel film) scomparve il 5 novembre 1975, ricomparendo cinque giorni più tardi: il resoconto della sua storia è riportato nel libro The Walton Experience. Molti eventi raccontati nel film differiscono dal racconto di Travis, che si sottopose anche a numerosi esami (sulla terra!), tra i quali la macchina della verità.
Nel cast anche Robert Patrick, noto agli appassionati di fantascienza per aver interpretato il micidiale T-1000 in Terminator 2.