Home News “Simulakrum Lab II”: il nuovo album synthwave di Paolo Prevosto

“Simulakrum Lab II”: il nuovo album synthwave di Paolo Prevosto

simulakrum lab paolo prevosto

Cinema, astronautica, retrogame: all’interno del nuovo album di Paolo Prevosto aka Simulakrum Lab pulsano numerose e differenti anime. Nel nuovo disco “Simulakrum Lab II”, prodotto da Paolo Prevosto, un occhio di riguardo è riservato a certa fantascienza degli anni ’70 ed ’80: film lontani dal mainstream che sono divenuti, tuttavia, pellicole di culto. B-movie e prodotti alternativi come “1997: Fuga da New York”, “Atmosfera Zero” e “Starman”, piccoli gioielli che, lontani dai riflettori, si sono guadagnati un posto nel cuore di molti cinefili.

Paolo Prevosto Simulakrum Lab

E’ soprattutto nei brani “Wireframe I” e “Wireframe II”, contenuti nel nuovo disco di Simulakrum Lab, che Prevosto immagina di scrivere un’ideale colonna sonora, proprio per film come quelli sopra citati: oltre all’uso di sintetizzatori e tastiere d’epoca, a dargli man forte c’è Cody Carpenter, figlio del leggendario John (padre e figlio collaborano assiduamente) e virtuoso tastierista nell’ambito della scena prog fusion.

Il brano “Wireframe I” è inoltre accompagnato da un bellissimo video che sfrutta una Computer Grafica vintage, la stessa che venne utilizzata per creare il pannello comandi dell’aliante di Jena Plissken in “1997: Fuga da New York”. In omaggio all’affascinante mondo del retrogaming è disponibile, contestualmente al disco, un videogioco in stile vintage, scaricabile dal sito www.simulakrumlab.com e programmato da DAI71th Labs, casa che ha contribuito anche alla realizzazione del video di “Wireframe I Reworked”.

Insomma, c’è la nostalgia per quegli anni ’80 che nel cinema hanno regalato vere pietre miliari del genere sci-fi. Non manca tuttavia una digressione di Prevosto nei confronti di quell’astronautica che molte suggestioni è ancora in grado di suscitare. Se la copertina e le grafiche del disco sono già un forte richiamo al paesaggio lunare, l’artista propone all’interno il brano “Radical”, cantato dalla celebre cantante synthwave canadese Dana Jean Phoenix, un sincero e genuino omaggio agli astronauti dell’Apollo 11, proprio nell’anno del cinquantenario del primo sbarco sul nostro satellite.

simulakrum lab II CD paolo prevostoUna carriera piena e cristallina quella di Prevosto/Simulakrum Lab, che può vantare collaborazioni con grandi artisti italiani ed internazionali: doveroso ricordare le precedenti performance insieme ai nostri Simonetti e Pignatelli, entrambi nell’organico originario dei mitici “Goblin”. “Simulakrum Lab II” è un nuovo disco che nasconde qualcosa in più: non solo musica, insomma, ma un complesso e poliedrico progetto artistico tutto da scoprire, una sofisticata lettera d’amore alla musica e alla fantascienza vintage.

L’album è disponibile in CD e digitale nei maggiori store.

www.simulakrumlab.com