Home 1990 “L’ESERCITO DELLE 12 SCIMMIE” – 5 GENNAIO 1995

“L’ESERCITO DELLE 12 SCIMMIE” – 5 GENNAIO 1995

Il 5 Gennaio 1995 usciva nelle sale americane “L’esercito delle 12 scimmie” (“Twelve Monkeys”) pellicola liberamente ispirata al cortometraggio “La jetée” di Chris Marker del 1962, diretta da Terry Gilliam, prodotta da Charles Roven, sceneggiatura a cura di David Webb e Janet Peoples. Corre l’anno 2035 e gli esseri umani rischiano l’estinzione a causa di un virus mortale che ha infettato il pianeta. La superficie della Terra è inabitabile ed i sopravvissuti sono costretti a vivere sottoterra. Un gruppo di scienziati cerca di risalire al momento in cui è stato creato il virus, da chi è stato diffuso e perché. Per fare questo prigionieri sacrificabili – tra cui James Cole (Bruce Willis) – vengono spediti nel passato alla ricerca di prove ed informazioni. Sembra che una cellula terroristica che si fa chiamare “L’esercito delle 12 scimmie” sia implicata nella diffusione del virus. Un film che gira intorno ad un paradosso esplicitato tramite il viaggio nel tempo che qui viene affrontato quasi in modo metafisico, sia col corpo che con la mente. L’impossibilità di modificare il passato sembra essere la risultante di una teoria estrema dove ciò che è successo non può mai essere modificato e l’accettazione inevitabile porta l’uomo alla follia come unica certezza. “L’esercito delle 12 scimmie” ci regala una visione post apocalittica di un ipotetico futuro che germina nella potenzialità della catastrofe, partendo da un presente in cui la società vive in termini di ansia e paura a causa di guerre, disastri naturali, perdita del controllo del progresso tecnologico, tematiche care alla fantascienza distopica.

“Esistono dati reali che confermano che la sopravvivenza della Terra è compromessa dagli abusi della razza umana. La proliferazione dei dispositivi nucleari, i comportamenti sessuali smodati, l’inquinamento della terra, dell’acqua, dell’aria, il degrado dell’ambiente. In questo contesto non le sembra che gli allarmisti abbiano una saggia visione della vita? E il motto dell’homo sapiens ‘Andiamo a fare shopping’, sia il grido del vero malato mentale?” (una battuta del Dottor Peters)

Nel cast oltre a Bruce Willis compaiono un notevolissimo Brad Pitt (Jeffrey Goines), Madeleine Stowe (Kathryn Railly), Christopher Plummer (Dr. Goines) e David Morse (Dottor Peters).