Home Corsa allo Spazio LE ORIGINI DEI VIAGGI SPAZIALI – prima parte

LE ORIGINI DEI VIAGGI SPAZIALI – prima parte

Konstantin Tsiolkovsky ingegnere e scienziato russo, pioniere dell'astronautica.

La teoria alla base dell’esplorazione spaziale è stata elaborata per la prima volta dallo scienziato russo Konstantin Tsiolkovsky nella sua opera “L’esplorazione dello Spazio cosmico per mezzo di motori a reazione”, pubblicato nel 1903.
Le idee di questo brillante matematico non ottengono in patria il successo desiderato, ma affascinano lo scienziato statunitense Robert Goddard, che nel 1926 realizza il primo razzo a propulsione liquida. Questi progetti costituiscono la piattaforma di partenza dalla quale sovietici e tedeschi traggono i loro programmi missilistici; essi, dopo la seconda guerra mondiale, ben si adatteranno a quelli spaziali.

Robert Goddard scienziato statunitense e uno dei pionieri della missilistica moderna.

Il 3 marzo 1915 viene istituita la National Advisory Committee for Aeronautics (NACA) con il compito di promuovere la ricerca aeronautica degli Stati Uniti d’America. La NACA viene strutturata sulla base di altri istituti di ricerca simili situati in Europa, che promuovono lo sviluppo di questo settore. In particolar modo si presta attenzione alla struttura dell’ente francese “Etablissement Central de l’Aérostation Militaire”, all’ente tedesco “Aerodynamical laboratory of the University of Göttingen”, nonché al britannico “Advisory Committee for Aeronautics”, che influenzano in modo decisivo lo sviluppo e la formazione di questa agenzia.

Stemma NACA

Grazie all’allora segretario dello Smithsonian Institute, Charles Walcott, il quale ha esercitato forti pressioni, affinché si gettassero le basi per la creazione di tale istituto, la NACA ha potuto essere fondata. Su consiglio di Walcott, i senatori Benjamin Tillman e Ernest Roberts propongono nel gennaio del 1915, a entrambe le camere, la creazione del suddetto istituto di ricerca, sottolineando a quali fondamentali funzioni esso sia destinato.
Compito principale dell’istituto è quello di supervisionare e dirigere gli studi negli ambiti della ricerca aeronautica inerenti al volo, concentrando la maggiore parte delle risorse nello sviluppo di tecnologie atte a risolvere i problemi che all’epoca affliggono i primi aeromobili. Dopo l’approvazione del Congresso, essa prosegue il proprio lavoro di ricerca fino al 1º ottobre 1958, quando avendo perso la supremazia in campo spaziale a scapito dei sovietici, si rende necessaria una rivoluzione nel programma spaziale americano. Il 1º ottobre 1958 l’agenzia viene smembrata e le proprie infrastrutture e il proprio personale passano alla neo-costituita National Aeronautics and Space Administration (la NASA).

NACA’s Special Committee on Space Technology, 26 Maggio 1958.

Articolo a cura di Andrea Stratta:

Andrea Stratta, torinese, classe 1978. Laureato in Studi Internazionali e Diplomatici.

LE ORIGINI DEI VIAGGI SPAZIALI – seconda parte