Home 1980 “ROBOT JOX” (1989)

“ROBOT JOX” (1989)

CONDIVIDI

Se si parla di film sui robottoni la mente ci porta subito alla trilogia dei “Transformers”; ma prima che la CGI prendesse il sopravvento fu realizzato “Robot Jox”, film americano del 1989 diretto da Stuart Gordon (“Re-Animator”, “2013: La Fortezza”, “Space Truckers”) e prodotto da Brian Yuzna, uno dei più importanti registi horror di Hollywood (“Society – The Horror”). Il film girato negli Stati Uniti ed in parte a Roma, ha avuto parecchie vicissitudini legate alla produzione. Dopo il fallimento della casa di produzione originaria, è stato passato di varie mani fino a farlo uscire come film di serie B e non come kolossal quale era stato inizialmente progettato. La pellicola costò circa 10 milioni di dollari e ne incassò solamente 1,2 milioni in USA. Il film inizia con un bellissimo piano sequenza che mostra un territorio innevato e desertico, fino a farci scorgere (mentre una voce narrante fuoricampo spiega la situazione) un pezzo di robot che cade dall’alto schiantandosi a terra. Nel futuro le guerre combattute dagli uomini sono state bandite per evitare sprechi di vite e distruzione: ora si combattono con scontri tra mega robot. Troviamo due fazioni contrapposte in lotta tra loro, da una parte la “confederazione” con il pilota sanguinario Alexander e dall’altra il “mercato” con il pilota ed eroe Achille, che si daranno battaglia fino all’ultimo sangue e microchip per ottenere il territorio dell’Alaska. Ad assistere a questa micidiale lotta c’è il mondo intero, che assiste a questi scontri come fossero un evento sportivo trasmesso in TV. Nel cast troviamo Gary Graham (“Alien Nation” e numerose serie TV come “Starsky & Hutch”, “Hulk”, “Hazzard”, “Star Trek Voyager”, “Star Trek Enterprise”), Paul Koslo (“Punto Zero”, “1975: Occhi Bianchi sul Pianeta Terra”), Jeffrey Combs (“Re-Animator”, “Dolls”, “2013: La Fortezza”, “Space Trouckers”).
Il punto di forza del film sono proprio i combattimenti tra robot, abilmente girati con veri modellini,  nel periodo in cui la computer grafica iniziava a prendere piede nelle grandi produzioni. Ciò lo rende uno dei film cult per tutti gli appassionati di robottoni, dai classici dell’animazione nipponica agli americani Transformers.

 

Regia Stuart Gordon
Soggetto Stuart Gordon
Sceneggiatura Joe Haldeman
Casa di produzione Empire Pictures
Fotografia Mac Ahlberg
Montaggio Lori Ball, Ted Nicolaou
Effetti speciali Dave Allen, Jurgen Heimann
Musiche Frédéric Talgorn
Scenografia Giovanni Natalucci
Costumi Kathie Clark, Gloria Musetta
Trucco Gilda De Guilmi, Gino Tamagnini

Interpreti e personaggi
Gary Graham: Achille
Anne-Marie Johnson: Athena
Paul Koslo: Alexander
Robert Sampson: commissario Jameson
Danny Kamekona: Matsumoto
Hilary Mason: professoressa Laplace
Michael Alldredge: Tex Conway
Jeffrey Combs: Prole n.1
Michael Saad: Prole n.2
Ian Patrick Williams: Phillip
Jason Marsden: Tommy
Carolyn Purdy-Gordon: Kate
Thyme Lewis: Sargon
Gary Houston: telecronista
Russel Case: Hercules

A cura di Alessandro Giacona