Home 2010 “MERCURY 13”: le prime astronaute statunitensi

“MERCURY 13”: le prime astronaute statunitensi

CONDIVIDI
Jerrie Cobb accanto alla capsula Mercury.

Lo scorso 20 aprile è uscito su Netflix in italiano il documentario dal titolo “Mercury 13”, dedicato alle donne a cui venne negato lo Spazio. Molte persone conoscono la storia di “Mercury 7″, il primo gruppo di astronauti americani selezionati nel 1959 e il 1961, per i viaggi spaziali. Erano i più bravi piloti collaudatori militari della nazione, fisicamente e mentalmente adeguati ad affrontare le prime imprese spaziali.

Gli astronauti “Mercury 7”, Shepard, Grissom, Cooper, Schirra, Slayton, Glenn e Carpenter.

Il dottor Lovelace, che si occupava dei test per la selezione, decise, seppur in maniera non ufficiale, di sottoporre anche alcune donne alle prove. Tredici di esse risultarono idonee, esattamente come i colleghi uomini. Uno degli slogan della NASA è “Non c’è discriminazione”, tuttavia all’epoca la NASA non era aperta alle donne, in quanto era stato deciso che il primo gruppo di astronauti doveva essere composto solo da piloti collaudatori militari. All’epoca per legge le donne non potevano essere piloti per test militari.

“Mercury 13”

In Unione Sovietica invece fu data la possibilità di viaggiare nello Spazio alla pilota Valentina Tereškova il 16 giugno 1963. A bordo del Vostok 6 la cosmonauta effettuò una permanenza dello Spazio di 2 giorni e 22 ore.

Valentina Tereškova

Invece la prima statunitense ad essere diventata astronauta ed aver viaggiato nello Spazio è stata Sally Ride il 18 giungo 1983 a bordo dello Shuttle STS-7.

Sally Ride

Il trailer di “Mercury 13”: